Russian Inglese Francese Tedesco Italiano Spagnolo
Un broker affidabile, segnali online e un robot!
Meglio insieme che separatamente!
INIZIA A GUADAGNARE SOLDI
LINK

Descrivendo l'attuale situazione economica mondiale, gli esperti utilizzano sempre più il termine "Stagflation". E sebbene correggano subito che non si parla ancora di una vera crisi e che il movimento al ribasso possa definirsi moderato, si possono davvero notare alcuni segnali caratteristici. Che cos'è e cosa minaccia il mondo, il Paese e ogni singolo cittadino, vale la pena capirlo per navigare meglio e concentrarsi meno sulla speculazione.

Origine e componenti del concetto 

Il termine “Stagflazione” è un derivato di due concetti economici “Stagnazione” e “Inflazione”. Il primo si riferisce allo stato depressivo dell'economia, alla caduta del PIL e all'aumento della disoccupazione, il secondo all'aumento dei prezzi. Di norma, questi due processi si escludono a vicenda. La diminuzione dei redditi della popolazione, la disoccupazione forzata e il calo del potere d'acquisto stanno costringendo produttori e venditori a moderare gli appetiti e anche a ridurre i prezzi. Ecco perché la deflazione (l'opposto dell'inflazione) non è considerata il miglior segnale sullo stato dell'economia. Questo è un presagio o una conseguenza della stagnazione, cioè della depressione economica.

La crescita del potere d'acquisto (aumento della massa monetaria nelle mani dei cittadini, prestiti concessi volontariamente per disponibilità di garanzie reali, pagamenti stabili, fiducia nella stabilità finanziaria nel futuro) porta inevitabilmente ad un parziale deprezzamento della moneta - ad un certa fase, la produzione non ha tempo per soddisfare la domanda di chi ha e dei cittadini disposti a spendere. Inizia una carenza e già porta a un aumento dei prezzi, cioè all'inflazione.

La stagflazione è un incidente economico in cui lo sviluppo economico al ribasso è combinato con l'aumento dei prezzi. Ciò che prima era considerato impossibile.

grafico dello sviluppo economico e della crescita dei prezzi

Il pericolo di un tale processo sta nella difficoltà di uscirne. Nel 1938, uno degli sviluppatori della teoria della stagflazione, Alvin Hansen, affermò che quando si formano tali condizioni, gli Stati Uniti possono precipitare nell'abisso della crisi per un intero secolo: la mancanza di offerta di moneta e il desiderio di mantenere ridurrà così tanto gli investimenti che l'economia semplicemente non avrà nulla da tirare fuori dalla crisi. Una reazione a catena può mettere tutti i settori senza eccezioni. Le previsioni di Alvin Hansen in quel momento non si sono avverate, ma i calcoli sono ancora utilizzati. 

Il termine stesso stagflazione è stato menzionato per la prima volta in risposta alla situazione nel paese in una riunione parlamentare nel 1965. Ecco perché Ian Norman McLeod è considerato l'autore. Periodi che possono essere tranquillamente chiamati stagflazione sono stati vissuti da quasi tutte le principali economie. 

Esempi storici del processo economico

La situazione della stagflazione non rientra nella teoria economica di base, quindi è più chiaramente visibile negli esempi pratici. Se consideriamo che la stagflazione è, in parole povere, un aumento dei prezzi sullo sfondo di un calo della produzione, non è difficile trovarli. Un classico esempio è l'America dei primi anni '70. Il rifiuto del gold standard da parte di Nixon con il controllo parallelo del livello dei prezzi ha causato uno shock stop in molti processi interni. Il calo della domanda interna, in una reazione a catena che rallenta la produzione interna di cibo e beni di prima necessità, per ridurre il PIL. La crisi del carburante esplosa nel 1973 (causata dalla decisione dell'OPEC di tagliare la produzione) ha fatto salire i prezzi, prima del carburante e poi di tutte le risorse correlate. Il salvatore dell'economia in questo caso è stato Paul Volcker, che ha portato il tasso chiave a un record, all'epoca, del 20%. Questo interessava gli investitori, con i cui fondi era possibile rilanciare l'economia.

Poco prima, il Regno Unito ha vissuto un periodo di stagflazione. La crisi di Suez ha portato ad un aumento dei prezzi, ha provocato rivolte e scioperi dei lavoratori. La chiusura della produzione ha solo esacerbato il problema: sono iniziati i cambi di personale, nuove decisioni affrettate, un aumento dell'inflazione al 25%. Nel 1970, il paese, in cui un terzo della popolazione era in sciopero, aveva completamente perso la fiducia nella valuta nazionale. Allo stesso tempo, comprendendo pienamente gli ambienti governativi, gli investitori hanno lasciato il paese. La situazione è stata salvata dal Fmi, a cui il governo britannico è stato costretto a rivolgersi. La tranche da 2,3 miliardi di sterline (oltre 12 miliardi di sterline nel 2022) ha fatto decollare l'economia. Non va nemmeno sottovalutato il ruolo di un leader forte: Margaret Thatcher iniziò la lotta contro i sindacati che, in condizioni impossibili da realizzare in una crisi, ostacolavano la produzione.

Un esempio lampante in Russia sono gli anni '90 e l'iperinflazione, che ha costretto a disegnare zeri aggiuntivi sulle banconote. L'aumento dei prezzi sullo sfondo dell'aumento della disoccupazione e del deprezzamento del rublo hanno portato il paese in un baratro economico. Ma gli economisti non hanno fretta di chiamare questa situazione stagflazione. La stagflazione è, in parole semplici, un lento scivolare nell'abisso e, con il crollo dell'URSS, la caduta è stata istantanea. Il premio Nobel Milton Friedman ha proposto il suo stesso termine: "Slumpflation", prendendo come base la parola "slump", cioè una forte caduta. 

Segni di stagflazione 

I modelli economici proposti consentono di individuare le caratteristiche principali della stagflazione. Sono: 

  • l'aumento dei prezzi all'importazione come indicatore del deprezzamento della moneta nazionale;
  • riduzione degli investimenti privati ​​anche in aziende potenzialmente promettenti;
  • un aumento della percentuale del carico di indebitamento delle imprese e dei cittadini, un aumento della quota dei crediti deteriorati;
  • un aumento della disoccupazione dovuto all'incapacità delle imprese di mantenere l'attuale livello di produzione o una forzata diminuzione del fatturato;
  • una diminuzione generale del reddito della popolazione e della massa di denaro in circolazione, interesse per beni di categoria di prezzo inferiore. 

Tutti questi processi sono abbastanza fluidi e possono verificarsi entro 3-5 anni, aggravando gradualmente la situazione. In alcuni casi, il crollo può essere ancora più brusco: una reazione a un evento specifico o al loro complesso.

Tabella "cause di stagflazione"

Shock dell'offerta: un brusco cambiamento nell'equilibrio tra domanda e offerta, un'offerta eccessiva o una carenza, che provoca un cambiamento di valore.

Politica economica inefficace

La crescita esplosiva dei prezzi dell'energia come una valanga provoca un aumento del costo di tutti i beni e servizi, aumento dei costi di produzione, che riduce la redditività della produzione. 

Un aumento dell'offerta di moneta dovuto a iniezioni incontrollate e pressioni simultanee sugli affari (tasse, controllo eccessivo). PIL in calo sulla scia della crescente domanda da parte di clienti facoltosi. 

La complessità della definizione sta nel fatto che ciascuno di questi segni separatamente può essere segno di un processo completamente opposto. Solo la somma dei segni ci permette di dire che si tratta di stagflazione economica. 

Le principali cause e prerequisiti della stagflazione 

Gli esempi proposti consentono di ricavare le principali cause e fasi della stagflazione. Due blocchi principali seguono dal concetto stesso. 

fasi di stagflazione

Ci sono anche diversi prerequisiti aggiuntivi che possono persino diventare trigger:

  1. Aumento del costo dei beni di prima necessità. I prezzi possono essere alzati dai monopolisti, approfittando della mancanza di concorrenza e guidati solo dal desiderio di fare soldi. Le ragioni possono essere anche oggettive: l'aliquota fiscale, l'aumento dei prezzi delle materie prime e delle risorse, l'aumento del carico di credito e la necessità di estinguere le obbligazioni precedentemente assunte. 
  2. Aumento dei prezzi delle materie prime per ragioni diverse da quelle speculative. Così possono intervenire conflitti militari, grandi catastrofi naturali, la necessità di elaborare nuovi schemi logistici. La catena può essere a più livelli: la mancanza di fertilizzanti provoca una carenza di grano, latticini e carne crescono, l'intero paniere alimentare diventa più costoso. 
  3. Deprezzamento del denaro dovuto all'aumento dell'offerta di moneta in circolazione. Volendo sostenere la popolazione o ridurre il livello di agitazione, il governo distribuisce denaro come misure di sostegno. Lo squilibrio tra domanda e offerta (c'è denaro, ma non merci) fa nuovamente salire i prezzi. Il denaro si sta di nuovo deprezzando ei cittadini comuni sono insoddisfatti del declino del tenore di vita. 

La catena di eventi che ha portato alla crisi economica mondiale appare semplice e capiente. I prezzi alti fermano gli acquirenti. I produttori sono costretti a rallentare, a licenziare i lavoratori. La disoccupazione riduce il potere d'acquisto, costringendo ancora una volta le imprese a produrre meno.

Lo Stato, che cade anch'esso in un circolo vizioso, può diventare un anello aggiuntivo. Cercando di trovare soldi per progetti sociali e rassicurare i cittadini, il governo inizia a fare pressione sulle imprese. A causa delle perdite, gli imprenditori riducono il fatturato o addirittura chiudono la produzione. La disoccupazione è in aumento. 

Modi globali e privati ​​per combattere la stagflazione 

È l'effetto del circolo vizioso il problema principale della stagflazione. Per una brusca inversione di tendenza, sono necessarie le stesse misure serie e complete. Idee popolari, anche se non ancora testate nella pratica: 

  1. Investimento attivo e supporto completo per gli investitori. Gli investimenti pubblici, combinati con le agevolazioni fiscali per coloro che sono disposti a investire, dovrebbero far ripartire l'economia. 
  2. Lenta ripresa dalla crisi a scapito delle imprese a tutti i livelli, che non implica la spesa di fondi statali di riserva, trasformazioni strutturali. 
  3. Tagli alle tasse, controllo statale su beni vitali e aree chiave di produzione, leggi antitrust. È possibile prendere in prestito fondi dalle comunità internazionali per avviare la produzione di hub. 
  4. Il metodo shock è un'emissione mirata per stabilizzare il settore aziendale. Gli autori ritengono che un aumento dell'inflazione sarà un problema minore e che una politica di credito debole avvierà la produzione. 

Tutti gli analisti concordano sul fatto che è troppo presto per chiamare la situazione nel mondo stagflazione, anche se in effetti se ne vedono già i segnali (problemi con le risorse energetiche, calo del fatturato delle imprese, medie imprese che falliscono e chiudono). Il movimento al ribasso potrebbe continuare per altri 3-5 anni e dipenderà dalle azioni durante questo periodo quanto soffrirà l'economia globale alla fine e quanti anni impiegheranno per raggiungere i livelli precedenti.

raccomandato
  • Valutazione broker

    Valutazione broker

  • Valutazione dei robot Forex

    Valutazione dei robot Forex

  • Robot Abi

    Robot Abi

  • Robot crittografico Autocrypto-Bot

    Robot crittografico Autocrypto-Bot

  • strategia

    strategia

  • programma in diretta

    Dal vivo programma on-line

  • libri

    libri

autocrypto bot ru 728х90

Vuoi una strategia proficua da Anna?